mercoledì 31 luglio 2013

#COSEBELLE ASPETTANDO LE FERIE: DALL'ORTO A GIOVANNONA

Ogni anno, e per fortuna altrimenti sarei crepata, arriva puntuale questo periodo: la muffa delle mie pre vacanze. In redazione non c'è nessuno, salvo io, il mio eco, il tecnico al montaggio da solo nelle sue stanze scure, le piante del capo da annaffiare ( a sto giro le ha portate via direttamente perchè quando torna le trova stecchite...anche i cactus!), due anziani che sfidano impavidi i quarantatre gradi sulla panchina della piazza della Basilica di San Pietro in Ciel d'Oro e il dirimpettaio della redazione che ogni mattina mi chiede:" Wellaaaa non siamo ancora in vacanza signorina?". Mi sta troppo simpatico quindi non lo mando a stendere i panni, ma ripeto:"  E no, mancano ancora 19-18-17-16...giorni!".



Ci sono cose che però amo, e mi fanno stare bene, nonostante la muffa...



Il deserto dei Tartari alle poste. Ci trovi solo l'impiegata più annoiata e collaborativa del solito che con voglia di vivere da procione in coma e occhialino abbassato sulla punta del naso ti schiaffa la raccomandata come se ti dovesse dare un ceffone. Ma non c'è la fila quindi la scena te la patisci una volta soltanto

L'estetista Giovannona. Io la adoro perchè incarna l'ideale di estetista che ognuno ha: capelli cotonati castano ramato con il ciuffo alla Malgioglio da cocorita che nemmeno negli anni '80, due orecchini formato padella che le sorelle africane spalancherebbero gli occhi se la vedessero, contorno labbra rigorosamente color caramello, unghie pittate di ciclamino, profumo di olio di cocco misto mandarino e vocabolario ridotto a "gioria", "tesoro" " amore, lei" " come sei gnocca amo!". Ecco, liberami da questo pelo e riempimi di complimenti, sì ti prego.

Contadinelle e corsi di italiano. Quando sono in pre vacanza, meglio ancora se in vacanza seria (che non sono le ferie via da casa, attenzione!) adoro andare nell'orto a raccogliere la verdura. Sì, sono abbastanza felice di mangiare pomodori che sanno di pomodori e zucchine vere e non pure plastique, lo sapete. Non che io sia fanatica del bio è, perchè le porcherie ci scappano, ma mi rilassa uscire dall'orto mangiata viva dagli insetti ma con la cestina in vimini piena. Intano insegno allo zio ottantenne che i cucumar sono i cetrioli e i marisàn sono le melanzane. E' istruttivo per entrambi.

Il gelato a badilate. Qui non mi dilungo più di tanto perchè un gelato al giorno toglie non solo il medico di torno ma anche le incazzature. E' terapeutico. Voglio le pillole ripiene di stracciatella altro che paracetamolo.

Mamma sappi che non sono un drago solo in vasca, ma anche con la Grace. Grace è l'appellativo più chic della mia Graziella riverniciata di porpora. La uso pochissimo, ma quando ci monto faccio delle pedalate di almeno 5 km a tutta birra tra le campagne con le spighe del grano che mi sfregiano le cosce! Mia mamma, così felice delle passeggiate con la figlia, segue con la lingua srotellata come la liquerizia Haribo.

I fornelli manco fossi a MasterChef. Io adoro cucinare, ma essendo sempre a destreggiarmi tra mille impegni di lavoro-extra lavoro-casa-cane e chi ne ha più ne metta, i fornelli li ho un po' abbandonati. Quando scatta il giorno "x" delle vacanze allora afferro il mestolo e...statemi alla larga. A meno che non vogliate ingaggiarmi per un servizio catering

Fare indigestione di parole. Per lavoro scrivo, leggo, consulto, cerco, ma il vocabolario paradossalmente si ristringe alla terminologia utilizzata per gli articoli di cronaca. Non va bene, penso costantemente. Allora quando iniziano le ferie mi catapulto in libreria e acquisto una media di 3-4 libri che mi terranno compagnia durante le due meritate settimane, mentre i bagnanti rischiano la congestione in acqua dopo il frittino di calamari, io faccio scendere per bene l'insalata di riso (è il mio must da spiaggia!) e poi saluti e baci. Splash!



22 commenti:

  1. <3 tutto questo anch'io, orto, libri, grace e solitudine rigenerante!

    RispondiElimina
  2. Anche io approfitto dell'estate per leggere un po' di più.

    Il gelato dovrebbe essere patrimonio mondiale d'estate, dovrebbe essere distribuito gratuitamente agli angoli delle strade così certa gente starebbe molto meglio nonostante il cado.

    Io d'estate ad esempio odio stare ai fornelli, preferisco invece fare in modo che tutto ciò che debba fare sia a base fredda uhauhuahuahu

    RispondiElimina
  3. Carinissimo questo tuo post!
    Alessia
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Video outfit luglio YOUTUBE
    Kiss

    RispondiElimina
  4. Il gelato a badilate.... pure per me. Terapeutico davvero!
    marti
    www.glamourmarmalade.com

    RispondiElimina
  5. Anche io voglio l'estetista Giovannona!! E poi ti chiedo: ma quindi fai la giornalista? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Ida faccio la giornalista da sette anni :-)

      Elimina
  6. Le pillole alla stracciatella sono fantastiche :')



    Kiss ♥
    BecomingTrendy | Follow me on FB & Bloglovin'

    RispondiElimina
  7. mi hai fatto morire!!
    immagino l'estetista un po versione zia ietta ahahahahhahaah AMO!
    comunque le "grazielle" sono LA VITA! io ne ho una perfetta da quando ero piccolo pieghevole (hai tanti era ultra fashion una delle prima innovazioni ahahahahah)
    la tengo stretta ancora come ricordo. che comode che sono!
    un bacio

    Syriously in Fashion
    Syriously Facebook Page

    RispondiElimina
  8. scambio il tuo deserto dei tartari alle poste con il mio circo massimo ogni mattina o quasi! grrrr... la cosa che più mi manda in bestia nella settimana di pre ferie!

    RispondiElimina
  9. AWW, quante belle cose hai scritto.
    L'estetista Giovannona, solo dal nome, me la immaginavo esattamente come nella descrizione.
    Anche io ho riverniciato la bici (ok, mio padre mi ha riverniciato la bici) ed è passata da nera a rosa blush, la adoro. Adesso sto lavorando su un cestino in paglia con dei fiori ;-)

    <3

    RispondiElimina
  10. Adorooooooo come sempre. Hai questo modo di scrivere speciale....ironico, piacevole. Sei una persona solare, allegra, gioiosa, anche se sono sicura che anche tu a volte manderesti a quel paese qualcuno, che anche tu hai i tuoi momenti tristi, ma cerchi sempre di farti vedere goliardica, di buon umore, e magari ti tieni tutto dentro ed anche se so che è normale quando si ha un profilo pubblico, penso che tu sia proprio così nella vita.
    In questi mesi ho imparato a volerti bene!
    Guapy LOVE.

    RispondiElimina
  11. Che bel post!!
    Il deserto alle poste purtroppo qui a Firenze non c'è più di tanto..anzi duranti i periodi di vacanza sono intasate dai turisti che non sanno bene quale tasto premere per mandare una cartolina..
    Giovannona la vogliamo conoscere..proprio un'estetista cliché!!

    XOXO

    Marci&Cami

    Paillettes&Champagne

    RispondiElimina
  12. Le file che non ci sono, il raccordo libero, il parcheggio per tutti......aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaah ma tutto questo finisce a settembre, ricordiamocelo!!!
    Don't Call Me Fashion Blogger
    Facebook
    Bloglovin'

    RispondiElimina
  13. Per me estate è sinonimo di relax, libri (leggere tanto tanto tanto) e godo come te nel vedere location di solito gremiti di persone indispettite e assillanti (tipo banche e uffici postali), vuote che manco dopo l'uragano Katrina.
    Maaaaa mi inviti una volta a pappa??? Sei sempre a sfornellare..mi fai una golaaa

    Greta ♡ In Moda Veritas

    RispondiElimina
  14. Mi hai fatto morire sulla Giovannona! ahahah me la immagino perfettamente e mi sento male XD

    #thefashiontwice

    RispondiElimina
  15. Ahahahah sto ancora ridendo!! Ora però voglio vedere la Grace, eh! Ah ma sai che anche da noi si chiamano così i cetrioli? non proprio allo stesso modo ma "cocomeri". Da qualche parte in Italia il cocomero è l'anguria XD
    Va beh, poi c'è una Giovannona per ognuna di noi e degli impiegati delle poste non ne parliamo. L'altro giorno UNA COSA doveva fare, U-N-A: stamparmi un francobollo. Dieci minuti. Poste= male di vivere.

    Ora ti lascio e...aspetto le foto! Bacini!

    RispondiElimina
  16. Che post!
    Quoto Camilla, a Firenze sempre poste affollate, che siano 40 gradi o meno 10 c'è sempre gente!
    Per quanto riguarda l'estetista... ahah, voglio consocerla!

    Xoxo

    G.

    GFD by Giorgio Schimmenti

    RispondiElimina
  17. Ahahaha adoro come scrivi, mi rivedo in tutti punti, gelato, libri, orto. La mia estetista invece è più carina, acqua e sapone capelli poco appariscinti, forse anche troppo e piccoli punti luce ai lobi.

    Mimma
    www.myfashionsketchbook.com

    RispondiElimina
  18. Guapita.... alla giovannona ero già sdraiata!!! l'ho bene in mente... la tipologa! Ma ho invidiato il tuo orto e i pomodori che sanno d pomodori... Non i capita spesso :)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Io l'estate adoro leggere e il gelato non deve mancare mai anche per me :)
    bacii

    RispondiElimina

Grazie alle guape e ai guapi di essere passati da qui!